72° anniversario degli Eccidi di Monte Sole

Come d’abitudine, la Scuola di Pace commemorerà gli eventi del ’44 avendo ben presente il profondo legame che lega il passato al presente, la storia all’educazione.

Sabato 1 ottobre 2016 – ore 9:30 – Casa della Cultura e della Memoria, Marzabotto
UN CANTIERE A MARZABOTTO
Percorsi di pace e collaborazione nella società multiculturale
A PARTIRE DAGLI ECCIDI DI MONTE SOLE

DSCN1813Elena Bergonzini contribuirà, con un intervento volto a raccontare e ad analizzare l’esperienza dei campi di pace, a ragionare sull’eredità culturale ed educativa che gli eccidi e i luoghi che ora li ricordano hanno lasciato a questo presente di difficili ma possibili dialoghi.

“Quando Monte Sole diventa altrove, l’esperienza dei campi di pace”

 

Domenica 2 ottobre – ore 15:00 – Aula Magna Scuola di pace
Presentazione “Atlante delle Stragi naziste e Fasciste in Italia”
con Paolo Pezzino, Luca Baldissara e Gian Luca Luccarini
“L’Atlante delle stragi naziste e fasciste – che raccoglie i risultati della ricerca condotta – si compone di una banca dati e dei materiali di corredo (documentari, iconografici, video) correlati agli episodi censiti, ospitati all’interno del sito web. Nella banca dati sono state catalogate e analizzate tutte le stragi e le uccisioni singole di civili e partigiani uccisi al di fuori dello scontro armato, commesse da reparti tedeschi e della Repubblica Sociale Italiana in Italia dopo l’8 settembre 1943, a partire dalle prime uccisioni nel Meridione fino alle stragi della ritirata eseguite in Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige nei giorni successivi alla liberazione. L’elaborazione su base cronologica e geografica dell’insieme dei dati censiti ha consentito la definizione di una ‘cronografia della guerra nazista in Italia’, che mette in correlazione modalità, autori, tempi e luoghi della violenza contro gli inermi sul territorio nazionale.”
Questa la descrizione tratta dal sito. Ma quale significato profondo ha questo lavoro per noi, per i familiari e i sopravvissuti, per l’educazione alla cittadinanza attiva e solidale?

 

Per il programma completo delle Commemorazioni potete cliccare qui